Il primo incontro presenta la proposta più difficile da portare nelle scuole, in particolare superiori, ma qualitativamente più capace di promuovere salute perché mette in gioco climi, relazioni, riflessioni di contesto, azioni condivise, competenze che aiutano a gestire la complessità della vita e delle scelte. Al di là degli argomenti trattati, degli specifici contenuti, sperimenta metodi e strumenti che migliorano lo star bene nella comunità scolastica, mentre si apprende e si fa. Tutti i progetti descritti nella prima serata richiedono adulti docenti con un interesse forte agli aspetti relazionali ed educativi, che sentono il tempo impiegato per la propria formazione e per la realizzazione del percorso come un investimento sulla classe e sui ragazzi. Non è mai superfluo ricordare che i genitori hanno potere di proposta alla scuola, ma sui progetti formativi curricolari ossia di istituto, inseriti nel POF la competenza è del Collegio docenti, nel rispetto delle linee guida che il Consiglio di Istituto fornisce anche su questo argomento, tenendo conto di bisogni, richieste e appunto- proposte di studenti e famiglie. Non è risultato intervento sulle classi, dove esistono problemi di dinamiche o di relazioni studenti insegnanti o studentistudenti. Eppure capita particolarmente nelle prime, ma anche nelle classi avanzate per inserimento di nuovi ragazzi, per provenienza da corsi diversi, per dinamiche particolariche ci sia la necessità di dedicare tempo a costituire la classe come gruppo di lavoro; succede anche che alcuni insegnanti non riescano a gestire i ragazzi o ancora che la loro rigidità renda particolarmente difficoltoso vivere la scuola e l apprendimento con serietà ma anche serenità. Viene consigliato di tenere separati i due binari, quello della formazione ad una salute sana e quella del contrasto a disturbi e patologie: Successivamente, là dove viene interpellata, illustra direttamente ai relazione incontri affettività nelle scuole interessati i vari relazione incontri affettività nelle scuole necessari allo svolgimento delle attività in classe. La dottoressa ci tiene a sottolineare che promuovere salute significa lavorare culturalmente con docenti e alunni sulle specifiche tematiche, riprendendole e proponendole alle varie fasce d età con i dovuti adeguamenti. Questi percorsi di prevenzione lavorano non tanto o non soprattutto sul tema scelto, ma lo prendono come spunto per capire quali sono le competenze in gioco, per rinforzare quelle protettive: Biffi pone l attenzione sul fatto che parlare di prevenzione sulle dipendenze non è una questione di punti di vista, di percezioni come spesso succede: Profilo di salute della scuola Infatti è verificato che i -contesto formativo programmi, metodologie -contesto fisico-ambientale condizioni strutturali, sicurezza -contesto organizzativo strumenti, servizi offerti -Contesto relazionale accoglienza, rapporti con le famiglie, con il territorio -contesto incontri country pub ariano irpino valori, relazione incontri affettività nelle scuole, tradizioni -contesto sanitario dati epidemiologici giovani che si trovano bene a scuola, che si relazionano con persone adulte per loro significative, che si sentono parte attiva di una scuola aperta al territorio, possono avere meno comportamenti a rischio. Una scuola partecipata, con clima e relazioni positive, con qualità alta nella realizzazione di obiettivi educativi, sociali, culturali e di cittadinanza offre i presupposti per ragazzi consapevoli, capaci di scegliere, relazione incontri affettività nelle scuole. Sono efficaci le proposte che ingaggiano gli studenti e ne attivano la riflessione, le competenze, l azione Sono efficaci i percorsi che coinvolgono docenti e genitori ma anche direttamente gli studenti nelle superiori nella progettazione, nella realizzazione, nella verifica, fase questa molto complessa, perché le ricadute delle azioni di prevenzione si manifestano nel medio-lungo periodo. Anche per questo è necessario avere garanzie da percorsi validati perché scientificamente verificati nel tempo.

Relazione incontri affettività nelle scuole Subscribe to our mailing list

Da questa considerazione i percorsi progettati per insegnanti e genitori sui temi che trattiamo con i bambini e bambine. To use this website, you must agree to our Privacy Policy , including cookie policy. Mamme e papà che si interessano, chiedono, organizzano, ricercano finanziamenti: Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze, Dettagli. Come vengono recepiti normalmente questi progetti scolastici dai genitori? Questi percorsi di prevenzione lavorano non tanto o non soprattutto sul tema scelto, ma lo prendono come spunto per capire quali sono le competenze in gioco, per rinforzare quelle protettive: La questione sempre più diffusa rimane che non ci sono le risorse economiche. Si dedicherà inoltre spazio alla trattazione delle tematiche specifiche di interesse degli alunni, sollecitate dalle domande anonime da loro formulate e raccolte durante il primo incontro. Informare scientificamente sui rischi legati al consumo di tabacco 2. Come dire che i bambini e le bambine riportano in un luogo protetto e accogliente parole, dubbi, quesiti e perplessità, semplici curiosità riguardo parole e immagini che vedono osservano intravedono nelle loro giornate. Credits Sito realizzato da Stefano Merlo - stefano.

Relazione incontri affettività nelle scuole

Con ciascun gruppo classe si svolgeranno 3 incontri della durata di due moduli orari ( minuti) ciascuno. sociali e culturali che si sviluppano nelle diverse relazioni e nell’espressione della che verteranno sulle tematiche dell’affettività e della. Progetto di educazione all’affettività rivolto alle classi V. Il significato e il valore dei gesti affettivi all’interno dei diversi tipi di relazione (es: i gesti affettivi nella relazione genitori/figli sono diversi da quelli all’interno di una coppia di adulti). Il percorso, che prevede tre incontri serali a cadenza. Risultati del questionario somministrato nelle scuole, in occasione degli incontri su affettività e sessualità a cura del Consultorio Familiare e dell’Educazione Sanitaria dell’Azienda Sanitaria Locale n°1, nel mese di maggio Via Scuole, 14 – Castegnato (BS) Progetto affettività-sessualità – Classi terze il progetto e discutere su temi relativi all’educazione all’affettività degli adolescenti. Gli incontri saranno un’occasione per condividere risorse e preoccupazioni legate alla la relazione tra affettività-sessualità-moralità.

Relazione incontri affettività nelle scuole